Fondazioni lirico-sinfoniche, prorogato il commissario straordinario

L’avvocato Gianluca Sole rimarrà in carica fino al 31 dicembre 2018

ROMA – Prorogato fino al 31 dicembre 2018 l’incarico del commissario straordinario del Governo per il risanamento delle gestioni e il rilancio della attività delle fondazioni lirico sinfoniche.

L’avvocato Gianluca Sole è stato confermato nel suo mandato ricevuto il primo febbraio del 2016 e già rinnovato una volta il 14 aprile 2017. Il decreto 2018 è stato firmato dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e dal ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. Per il lavoro del commissario è previsto un compenso di 50mila euro lordi (cui se ne aggiungeranno altrettanti al raggiungimento degli obiettivi).

All’avvocato Sole è affidato, in base al primo decreto di nomina del 2016, il compito di “assicurare la prosecuzione del percorso di risanamento delle fondazioni lirico sinfoniche” e di “procedere all’approvazione e al monitoraggio dei nuovi piani di risanamento”.

Tra gli obiettivi contrattuali per il 2018, il commissario ha quello di stilare due report semestrali (il settimo e l’ottavo) sul “monitoraggio dello stato di avanzamento dei piani di risanamento”, di valutare e assistere “all’iter istruttorio di presentazione delle nuove integrazioni del piano di risanamento richieste dalle fondazioni lirico sinfoniche e monitorare lo stato di attuazione delle integrazioni del piano di risanamento per il triennio 2016-2018 ricevute da parte delle fondazioni”.

Entro il 30 giugno e il 31 dicembre 2018 il commissario dovrà inviare al ministro dei Beni culturali “una relazione conclusiva dettagliata relativamente allo stato di avanzamento degli interventi” prestabiliti.

Potrebbero interessarti anche