Banner
Banner

Gio

20

Dic

Economia
Arriva la Tares, la nuova imposta sui rifiuti Stampa E-mail

cassonetti_rifiutiStangata per gli italiani. Dal 1° gennaio si pagherà il 35,7% in più con la nuova imposta. Un aggravio di 80euro a famiglia

 

ROMA - Con la nuova tassa sui rifiuti stangata in vista per le famiglie italiane nel 2013. La staffetta tra Tarsu e Tares, infatti, a partire dal nuovo anno porterà con sè un ulteriore aggravio sul bilanci familiari; il 35,7% in più di quanto si pagava con la vecchia imposta, in soldoni 80 euro a famiglia. A fotografare gli effetti della nuova imposizione è la Uil con una indagine del servizio politiche territoriali.

Di male in peggio, dunque, sintetizza il sindacato che stima come nel 2013 "la Tares peserà mediamente sui bilanci delle famiglie 305 euro, più della media dell'Imu sulla prima casa; in valori assoluti, infatti, la Tares vale circa 1,9 miliardi di euro in più che si aggiungono ai 7,6 miliardi di euro pagati nel 2012 con le bollette sui rifiuti".

"Ormai i dati ci indicano che, oggi, purtroppo il livello di tassazione locale (Imu, Addizionali Irpef, Tariffa rifiuti) incide per il 30% (oltre 1.700 euro) sulla pressione fiscale complessiva e gli aumenti colpiscono principalmente i lavoratori dipendenti e pensionati", commenta il segretario confederale Guglielmo Loy che chiede "di rettificare i decreti attuativi del federalismo fiscale".

Già nel 2012, infatti, la vecchia Tarsu aveva denunciato, stima ancora la Uil, aumenti medi del 2,4%, più del 14,3% in cinque anni per un esborso complessivo di 225 euro. Aumenti in corso d'anno registratisi in 39 città capoluogo: Bari con il +30%, Milano con il +20%, Novara con il +19,2%, Firenze con il +16,6% ed Avellino con il +15%. Soltanto tre le città che l'hanno diminuita: Lucca - 7,5%; Treviso - 5,4%; Teramo - 4,8%.

In valori assoluti, invece, la Tarsi più pesante è quella che pagano i cittadini di Napoli, dove per la famiglia presa a campione il sindacato calcola un esborso di 427,80 euro l'anno; segue Salerno 355,60 euro; Alessandria 337,50 euro; Prato 329 euro; Venezia 325 euro; Gorizia 324,60 euro; Siracusa 317,20 euro; Caserta 314,60 euro; Roma 310,98 euro; Latina 304,30 euro.

Tra le grandi città, l'aumento nel 2012, rispetto al 2011, della Tarsu, è stato del 5% a Palermo; del 4,1% a Bologna; del 3,2% a Perugia; del 3% a Bolzano e Torino. A Roma, invece, si è registrato un aumento del 2,5%, per effetto del recupero dell'Iva non fatto pagare in bolletta nel 2010.

Bolletta meno pesante, nel 2012, per quei 1.300 Comuni che applicano la Tariffa di igiene ambientale, 37 euro, mentre nei Comuni dove si applica la Tarsu, l'aumento medio corrisponde a circa 70 euro. A ciò vanno aggiunti, calcola ancora il sindacato, ulteriori 27 euro medi, per la parte servizi indivisibili dei Comuni.

"Il tema dell'efficienza e del contenimento dei costi del servizio, soprattutto delle società spesso pubbliche, che gestiscono il servizio non è secondario in quanto si ripercuote sui cittadini, attraverso l'aumento di tasse e tariffe", conclude Loy.

 

Tappeto Rosso

Al Palazzo delle Esposizioni

Alighiero-BoettiL’arte a Roma negli anni '70

Roma diventa la protagonista di una racconto puntuale ed esaustivo dei fenomeni artistici degli anni Settanta